Crea sito
Tutto quello che devi sapere sulla musica in Brianza

MUSICA IN BRIANZA

Tutto quello che devi sapere sulla musica in Brianza

ZOE FOLK FESTIVAL : sei ore di musica nel giardino della Biblioteca di Carnate

Una vera maratona di circa sei ore con musica di qualità che spaziava all’interno delle varie forme in cui si esprime ai giorni nostri il genere folk. Per la prima volta nel centro della Brianza, nell’incantevole giardino della Biblioteca Civica di Carnate (Mb) si è svolto sabato scorso il primo “Zoe Folk Festival” a cura della Zoe Records con il patrocinio del Comune.

Daniele Ridolfi

L’avvio della giornata è stato assegnato a Daniele Ridolfi, cantautore armato di ukulele, già noto nella nostra zona, che ha presentato brani dal suo disco “Via Trento” uscito nel marzo 2018. Storie di vita quotidiana su ritmiche rock ed a tratti punk che hanno ottenuto buona presa sul pubblico.

Emily

Emily, milanese pronta ad esibirsi in duo con il tastierista Nico Secondini (dal 2016 componente dei The Fuzztones) ci porta sui sentieri di una canzone d’autore più intimista proponendo anch’essa brani inediti tratti dal suo recente cd “Giungla”: possiamo considerarla la prima rivelazione del Festival.

Mattiska

La seconda sorpresa per la maggior parte dei presenti è stata Mattiska, cantautrice comasca che alterna chitarra e piano nell’esecuzione di brani propri cantati in inglese . Una storia abbastanza lunga alle spalle (la leggenda racconta che abbia iniziato a suonare all’età di 14 anni e nonostante importanti riconoscimenti ottenuti dal 2012 solo nel 2017 ha iniziato l’attività live) che si riscontra nella qualità delle composizioni presentate. Una carrellata di suoni folk. country e americana che si è chiusa con un omaggio a Tracy Chapman eseguendo una personalissima versione di “Talkin’ about revolutiion”.

Sven Jørgensen

Sven Jørgensen è un altro nome non del tutto sconosciuto nella zona per precedenti concerti che avevano consentito di apprezzarne le doti. Il suo show, rigorosamente acustico , alterna brani inediti, tratti dal suo album “On/Off Generation” uscito lo scorso anno, a cover tra cui “Life On Mars” di David Bowie catturando l’attenzione del pubblico.

Diego Potron

Diego Potron è l’artista forse più conosciuto del Festival. Noto bluesman italiano, per la serata si orienta più sul genere americana e folk proponendo alcuni brani originali del suo repertorio (tra cui diverse canzoni che parlano di Carnate, sede dell’evento) e, nella seconda metà del live, alcuni inediti in fase di rodaggio e destinati a far parte del prossimo disco dell’artista. Come sempre ottima performance molto apprezzata dai presenti.

Enrico Penati e Alex Ponti

Enrico Penati in duo con Alex Ponti al dobro spostano i suoni sul versante del blues d’annata. Armonicista tra i più quotati in Italia, Penati propone brani di Robert Johnson, una cover riarrangiata di un brano di Erroll Garnett ed altre canzoni della tradizione blues e gospel ben supportato del virtuosismo di Ponti.

Oh Lazarus

Ed in chiusura la terza rivelazione di questo Zoe Folk Festival ovvero gli Oh Lazarus. Originari di Pavia definiscono la loro musica “una miscela di Old Time Music, Gospel, Delta Blues, Pre-War Folk, Trad Jazz e Gothic Americana riletti in chiave Punk / Busker.” Quello che accade sul palco è proprio uno show denso di energia, festaiolo, gioioso ed estremamente coinvolgente. Il tutto con una strumentazione ridotta all’osso ma con una capacità di coinvolgimento del pubblico piuttosto rara. Per evidenti motivi di copione il loro spettacolo dura poco più di mezz’ora ma rimarrà nella nostra memoria per molto più tempo.

Alla fine non restano che i complimenti alla Zoe Records nelle persone di Lele Recalcati, Luca Carzaniga e Aurora Valaguzza che hanno consentito lo svolgimento della manifestazione nel miglior modo possibile ed a tutti coloro che hanno contribuito a rendere realizzabile questo evento comprensivo anche di una mostra di pittura a cura di Simona Carozzi ed una mostra fotografica sul tema della musica live a cura del Circolo fotografico di Carnate. Non ci resta che attendere la prossima edizione.

Lele Recalcati
Luca Carzaniga
Aurora Valaguzza
Mostra a cura di Simona Carozzi

Carlo Pulici